Officine Meccaniche or OM was an Italian car and truck manufacturing company, founded in 1918 in Milan as Societa Anonima Officine Meccaniche. It disappeared as such in 1975 subsumed into Iveco , but still exist as a forklift builder.
The inception of the company had resulted from the merger of two companies, Grondona Comi & C and Miani Silvestri & C.
Originally, OM manufactured railway stock. Car production started in 1918, using the plant of the former Brixia-Zust Brixia-Zust ( Brixia-Zust ), just after OM took over Zust car company of Brescia, Northern Italy. The first OM car, Tipo S305, primarily an old Zust model, appeared in 1918 with a 4712 cc four-cylinder side-valve in-line engine.
Main new product in the WWII post-war era was the Leoncino (1950) a light truck in the 2.0 to 2.5 tons range, which was an immediate success. It became the forefather of several series of heavier but structurally similar models, namely Tigrotto, Tigre, Lupetto, Cerbiatto and Daino, launched between 1957 and 1964. Bus chassis versions of several of these models were also available.
In the 60s and 70s the light and medium-weight OM truck ranges were sold in Switzerland as Saurer -OM or Berna -OM, in Austria as Steyr -OM, in France as Unic -OM, and in Germany as Bussing -OM. In 1968 OM was definitively merged into the Fiat Group as a brand belonging to the Commercial Vehicles division, which also included Fiat and Unic.
In 1975 it was absorbed (as part of the Fiat Group ) into IVECO and the OM brand disappeared from the truck and bus markets, although it still survives as an independent forklift manufacturer.

Automobili OM Una ampia mostra fotografica della fabbrica di automobili OM, negli anni della Mille
Negri-Brescia
Negri It
La storia del logo Officine Meccaniche
La Officine Meccaniche Fabbrica Bresciana Automobili (OM-FBM) era un'azienda italiana specializzata nella produzione di veicoli, particolarmente di autocarri. Attualmente OM e uno dei marchi usati nella produzione di carrelli elevatori dal Kion Group.Nel 1918 la OM nasce per la fusione fra la AOM (Anonime Officine Meccaniche), azienda specializzata in rotabili ferroviari e la Zust, casa automobilistica italiana. La produzione riguarda inizialmente le autovetture. Nel periodo tra le due guerre mondiali l'attivita della OM fu molto intensa e indirizzata anche al mondo delle competizioni automobilistiche: nel palmares della casa si annoverano anche vittorie alla Mille Miglia e alla 24 Ore di Le Mans. Nel 1927 l'azienda acquisi la O.M. Carrozzeria di Suzzara in provincia di Mantova, fondata nel 1878 da Alfredo Casali per la produzione di macchine agricole. Nel 1933 OM entra a far parte del gruppo Fiat. Nel 1937 vengono unificati gli stabilimenti OM di Brescia e di Milano, creando tre settori: autobus e autocarri; materiale ferroviario, trattori agricoli, carrelli elevatori e motori marini; motopompe e impianti di refrigerazione. Negli anni trenta alcuni autocarri prodotti erano dei classici "musoni", equipaggiati con motori a gasolio e costruiti su licenza della svizzera Saurer. Nel 1967 la casa bresciana cesso di essere una divisione indipendente nel settore autocarri, entrando definitivamente nel gruppo FIAT come parte integrante della Fiat Veicoli Industriali. Da allora inizio la produzione dell'OM 170 in sostituzione del Titano e negli anni successivi la gamma di autocarri medi e leggeri venne modificata e rinominata con una serie numerica per ciascun modello, indicante la massa a pieno carico. Nel 1970 venne costruito lo stabilimento di Bari che verra successivamente ampliato nel 1977. Nel 1972 la gamma OM e definitivamente unificata a quella della Fiat Veicoli Industriali. Tre anni dopo, nel 1975, nasce la nuova holding Iveco che incorpora tutti i marchi produttori di autocarri del gruppo Fiat, tra cui OM. Per alcuni anni il marchio OM resta sugli autocarri della serie numerica e su altri modelli, come ad esempio il "Grinta" (prima serie dell'Iveco Daily marchiata appunto OM): si tratta del solo marchio, in quanto la produzione degli autocarri e unificata e i vari modelli vengono venduti anche con marchio Fiat, Iveco etc. Nel 1992 il gruppo tedesco Linde acquisisce da Fiat parte della societa Carrelli Elevatori. Dal 2002 l'azienda cambia ragione sociale in OM Carrelli Elevatori S.p.A.. Sparisce la denominazione Fiat poiche Iveco S.p.A. esce in modo definitivo dall'azionariato dell'azienda.
Autocarretta OM Il mezzo venne progettato dall'ing. Giulio Cesare Cappa nelle officine Ansaldo di Torino(da qui il nome comune di Autocarretta Ansaldo ), venne realizzata nelle officine OM di Brescia a partire dal 1932 in seguito al brillante superamento delle prove ministeriali per individuare un mezzo militare con possibilita di inerpicarsi sulle mulattiere e carrarecce militari in montagna
Autocarretta OM
Le modele 1014 propose par Fiat, compose d'un tracteur et d'une remorque articulee propulse par le moteur du Fiat 614, fut ecarte des 1930. Ceirano, qui faisait partie du consortium Fiat, proposa le modele 1015 a quatre roues motrices et directrices dont les deux prototypes furent livres en 1931 et ecartes apres essais. Le projet Lancia fut egalement abandonne au premier semestre 1931. Le modele Ansaldo fut quant a lui developpe par le bureau d'etudes fonde par l'ingenieur Giulio Cesare Cappa apres avoir demissionne de chez Fiat.
Suite aux difficultes financieres provoquees par la crise de 1929, la societe Ansaldo Automobili S.A. . de Turin fut mise en liquidation et le contrat fut cede a la societe OM de Brescia, qui augmenta la cylindree du moteur de 1350 a 1616 cm3 sur demande de l'armee. Au 1er juillet 1931 , OM avait livre les trois prototypes modifies pour les essais d'homologation, dont un avait ete presente au salon des ingenieurs italiens de Rome le 8 mars 1931.(Lo SPA CL39 o Fiat-SPA CL39 o anche Autocarretta SPA per distinguerlo dalla Autocarretta OM, e un autocarro leggero prodotto in Italia ed impiegato dal Regio Esercito e dalla Regia Aeronautica.)
Autocarretta OM32
Autocarretta OM35
Autocarretta OM36
1936 OM Autocarretta Quiz Archive
Autocarretta OM37
OM 6600 o Acp 56 (6x6) - Analog Mack Trucks

Внедорожные траспортные средства
(Land Locomotion – Mechanical Vehicle Mobility LL-MVM)
Cайт информационный, некоммерческий.
(На странице "commerc" размещены ссылки на отечественные коммерческие сайты)
Home